Tag: segno dell’ariete

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: problemi di lavoro ti mettono in ansia;

Toro: avrai delle occasioni per dimostrare il tuo valore, sta a te approfittarne;

Gemelli: in amore è tutto ok, il lavoro invece qualche problema lo dà;

Cancro: intorno a te c’è troppa agitazione che finisce per coinvolgerti;

Leone: stai perdendo il senso della misura, le spese andrebbero limitate;

Vergine: se vuoi che le cose vadano meglio devi recuperare il tuo entusiasmo che è scarsino;

Bilancia il lavoro che stai facendo non ti piace e quindi ti chiedi se continuarlo o cercarne un altro;

Scorpione: il faro di questa giornata saranno le polemiche, un po’ con tutti;

Sagittario: segui il tuo istinto vedrai che alla fine le soddisfazioni non mancheranno;

Capricorno: se guardi a nuove iniziative queste saranno favorite;

Acquario: sarà anche colpa del caldo ma ti senti sempre piuttosto in ansia;

Pesci: in famiglia non tutto va bene, ci sono delle tensioni che devi risolvere.

Annunci

Affinità di coppia del segno del Cancro con gli altri segni – Ariete

Cancro-Ariete

Lei finge e… lo cattura

L’irrequieto marziano odia le donne tutto miele, facili da conquistare e tenere sotto controllo. Ma cade facilmente vittima del dolce, materno fascino della cancerina, che non esclude una volontà di ferro e una personalità decisa. Di solito non se ne duole.

Quand’era piccolo, l’Ariete era un vero terremoto. E i suoi non vedevano l’ora che crescesse, nella speranza che almeno il tempo riuscisse a smorzare i suoi ardori francamente eccessivi. Ma questo non è successo e lui ha continuato ad essere precipitoso ed imprudente, schietto e immediato. A provocare il prossimo con quel gioco d’attacco che è la sua caratteristica anche quando è impegnato in vicende d’amore. Infatti, appena ha conosciuto una donna, la guarda diritto negli occhi, la traumatizza con una stretta di mano mozzafiato e, nel giro di cinque minuti al massimo, fa capire se più o meno è interessato a lei.

Ma guai se lei gli cade subito tra le braccia: un marziano come lui ha bisogno di lottare per poter apprezzare quello che ottiene. Altrimenti si stufa subito e va alla ricerca di bersagli più impegnativi.

Quindi lei deve assolutamente trovare il modo di resistergli. Anche se deve farlo con estrema dolcezza. Perché se c’è una cosa che lui non tollera sono poi le donne aggressive: ci mancherebbe altro, di aggressività ne ha già abbastanza lui: non c’è bisogno di rincarare la dose mettendocisi in due. Insomma, lui nella donna cerca calore e tenerezza. E proprio queste saranno le armi che riusciranno a incastrarlo. Ma, forse, lui aspira a essere incastrato, sia pure con dolcezza.

Infatti, pur essendo un consumatore di storie brevi, in fondo è un tradizionalista che vuole poter contare su una solida struttura del proprio mondo affettivo, per avere la possibilità di continuare a vivere pericolosamente, ma al riparo dal rischio di finire sbalestrato. In altre parole, è alla ricerca di una donna un po’ Penelope, che provveda a tener vivo il focolare per accoglierlo e confortarlo al ritorno da battaglie ed avventure d’ogni sorta. Che faccia insomma quello che, un tempo faceva la sua mamma: sempre pronto a curarlo quando, reduce da temerarie scorribande, lui tornava a casa malconcio nel corpo o nello spirito.

Quindi lo attrae molto la donna Cancro, che è nata per fare la mamma. Che può anche essere una donna in carriera assolutamente affermata ed autonoma, ma rimane comunque una creatura sensibile e romantica. Lo si vede anche da come veste: la predilezione per linee morbide, tinte pastello e gioielli di gusto retrò rivela l’essenza decisamente tradizionale della sua femminilità.

Fortemente stimolato da queste caratteristiche, l’Ariete si butta alla conquista della Cancro. Ma lei, col sicuro istinto della sua natura lunare, sa come tenerlo a bada. Perché mentre con lo sguardo gli promette dolci rese future, nei fatti non gli concede niente fino a che lui non dimostra d’aver imparato a frenare quella sua dannata fretta che gli fa bruciare le tappe.

Così è lei a prendere le redini della situazione. Allora per l’Ariete non c’è scampo: è la volta in cui si innamora sul serio, pronto a sottomettersi docile al gioco matrimoniale allestito affettuosamente dalla Cancro. Che è nata per diventare moglie e madre anche quando è superconvinta d’aver rotto con la tradizione. Tant’è vero che, pure con l’uomo che ama, assume un atteggiamento dolce e protettivo ma anche sotto sotto, autoritario. Nel senso che, in ultima analisi, è sempre lei a decidere, suggerendo le proprie scelte come trepidi desideri che sarebbe crudele non esaudire. Ma poi è disposta a premiare l’obbedienza con generose profusione di coccole e sorrisi. Così come non esita ad esibire un’aria triste e addolorata quando i suoi piani vanno a monte.

Questa seconda reazione è quella che manda maggiormente in crisi l’Ariete. Che risponde, magari, facendo la voce grossa, ma, sotto sotto, si sente tremendamente a disagio quando ha la sensazione di essere responsabile del malessere morale di qualcun altro. E così, sbollita la furia, fa di tutto per farsi perdonare, comportandosi come un bambino deciso a rigare diritto dopo che è stato colto in flagrante.

Insomma con il contributo dei sensi di colpa arietini, la Cancro riesce a domare il ribelle Ariete. Però se vuole evitare di finire come un sorvegliato speciale, è meglio che lui provveda in fretta ad appagare il desiderio cancerino della procreazione.

Affinità di coppia del segno dei Gemelli con gli altri segni – Ariete

Gemelli-Ariete

Lei è una dolce trappola da evitare

Spinta dal suo amore per la libertà, l’alunna di Mercurio cerca per istinto di sottrarsi alla foga del passionale marziano.

Lo contesta, lo fa ingelosire, lo provoca. Col risultato di legarlo ancora di più a sé in un rapporto agitato e irto d’insidie.

La Gemelli è una civetta. Ma non è una specie di mantide religiosa, piuttosto una grande imitatrice, cui piace cimentarsi con la parte della seduttrice alle prese coi drammi della seduzione e della passione.

Però, a forza di scherzare col fuoco, può capitarle di bruciarsi le ali. Soprattutto se si mette a provocare un Ariete. Ma non c’è niente da fare: se lui è carino, lei non riesce proprio a non stuzzicarlo. Invece dovrebbe lasciarlo in pace. Infatti l’Ariete adora le donne, ma rischia letteralmente d’impazzire quando ne incontra qualcuna che, come la Gemelli, è un pepato miscuglio di freschezza infantile, impertinente intelligenza e originalità. Sarà perché lui non sa resistere alle imprese difficili o perché l’Aria gemelliana agisce da stimolante del Fuoco arietino, ma sta di fatto che molto spesso la Gemelli riesce a farlo innamorare profondamente.

Inoltre, sia chiaro, per lui l’amore non è un gioco ma una cosa molto impegnativa. E anche la Gemelli potrebbe fare sul serio, se non avesse una grande paura dei legami definitivi, che secondo lei minacciano di distruggere ogni futura piacevole, anzi indispensabile, possibilità di imprevisti.

Insomma, quando lui si innamora e libera i suoi entusiasti e prepotenti istinti passionali, lei non può fare a meno di spaventarsi. Allora comincia a fare confusione, tanto che neppure lei alla fine riesce a raccapezzarsi nel vortice di fughe, ritorni, scontri scatenati dalle sue paure inconsce. L’Ariete, che non è certo il tipo da perdersi in complicate analisi psicologiche, tenta e ritenta di trovare con mezzi normali il bandolo delle sconcertanti reazioni gemelliane. Ma non c’è verso: alla fine dell’inutile fatica si sente impazzire e reagisce come può reagire un marziano: arrabbiandosi.

Benedetta Gemelli! Se almeno non gliene importasse niente di lui, si potrebbe capirla. Invece no. Messa alle corde dalla caliente passionalità arietina e soggiogata dall’ascendente che esercitano su di lei la grinta e la decisione (qualità che l’affascinano proprio perché corrispondono a proverbiali quanto incolmabili carenze gemelliane), lei si accorge ben presto d’esser caduta in trappola. E, proprio per questo, si spaventa e tenta di far marcia indietro, ma senza convinzione.

Perciò diventa ancora più incoerente e sembra non poter fare a meno di obbedire a una specie di maligno folletto interiore che le suggerisce di fare tutto quello che fa infuriare l’Ariete. Se lui dice bianco, lei dice nero; se lui le dimostra tenerezza in pubblico, lei maschera emozione e imbarazzo mettendosi subito a flirtare con un altro; se a lui piace un piatto particolare, non c’è pericolo che lei si ricordi di prepararglielo…

Ma perché poi la Gemelli si comporta in modo così bislacco? Vorrebbe saperlo anche lei. Invece sa solo che non riesce a farne a meno. Anche se questo fa infuriare l’Ariete e, quando lui s’arrabbia, lei ci sta male da morire. Perché la rabbia arietina la traumatizza e soprattutto perché le dispiace. Non tanto per se stessa, quanto per lui.

Purtroppo, però, trovare una via d’uscita non è facile. Infatti, a differenza di tante altre coppie che riescono a trovare il modo di andar d’accordo quando la rabbia è sbollita l’Ariete e la Gemelli finiscono spesso col litigare anche quando tentano di fare la pace, assolutamente in buona fede.

Il fatto è che lui sa fin troppo bene quanto per lei sia facile mescolare il vero al falso, ma dimentica che a questo gioco lei si dedica solo quando non sono in discussione le cose serie. Come mai? L’Ariete ha la coda di paglia: cosciente della propria ingenuità, è convinto che, quando la Gemelli ammette i propri torti e gli chiede scusa, stia in realtà tramando l’ennesima beffa ai suoi danni. Perciò si mette subito a sbraitare che mai e poi mai cadrà nelle trappole di cui lei sta disseminando la sua vita.

Allora lei, ferita e fraintesa, vibra una nuova serie di sarcastiche frecciate… e la storia ricomincia. Insomma, anche se si amano e la loro incomprensione è più formale che sostanziale, fra l’Ariete e la Gemelli tutto rischia di andare a catafascio, nella spirale di liti sempre più frequenti e rappacificazioni sempre più precarie.

Piccolo oroscopo del giorno

Ariete: devi frequentare solo chi ti è amico;

Toro: risvegli passionali;

Gemelli: troppe discussioni ma pochi fatti;

Cancro: pesa sempre le parole prima di esternarle;

Leone: belle sorprese in arrivo;

Vergine: vi sono delle persone false che ti girano intorno;

Bilancia: devi essere più aperto alle novità;

Scorpione: ti sei chiuso troppo in te stesso, devi aprirti di più;

Sagittario: ricorda sempre che le cose vanno fatte con calma;

Capricorno: cerca, fra le tante, la migliore occasione;

Acquario: la serenità la devi guadagnare con un comportamento più corretto;

Pesci: sei in un periodo anonimo, su con la vita.

Astrologia – Affinità di coppia tra il segno del Toro con gli altri segni – Ariete

Toro-Ariete

Il fuoco che non si spegne.

Una tranquilla venusiana e un impaziente marziano in teoria non stanno affatto bene insieme. In realtà hanno in comune un ardore primaverile dei sentimenti e dei sensi capace di alimentare a lungo un intenso e tenero legame amoroso.

Parecchie malelingue van sostenendo che la donna del Toro è una pigra e una avara. In queste considerazioni un po’ sbrigative, qualcosa di vero c’è. Però le motivazioni di fondo che inducono la venusiana al risparmio sono tanto plausibili da riscattarla completamente. Anche se lei non ha proprio bisogno di simili assoluzioni per salvaguardare il proprio equilibrio psicofisico. Perché è tanto sicura del fatto suo da non scomporsi di fronte agli attacchi di chi pretende di sindacare le sue scelte. Infatti la sua guida spirituale è un istinto di conservazione che contempla, prima di tutto, la stretta osservanza del principio dell’autoconservazione.

E proprio dal questo hanno origine la sua presunta pigrizia e l’altrettanta presunta avarizia. Lei è una che si gode la vita, indipendentemente dalle inevitabili vicissitudini; non solo, ma vuole continuare a goderla il più possibile. Così sta bene attenta a non dilapidare a vanvera il bello e il buono che la sorte le ha elargito.

Il principio vale anche in fatto di denaro e non c’è pericolo che deragli: a spese avventate o superflue lei oppone un dolce ma reciso rifiuto. In compenso, se lei si propone una qualunque forma d’investimento produttivo e duraturo, non esita a impegnarsi fino all’ultimo centesimo e all’ultima stilla d’energia. Perché, come il simbolico animale che rappresenta il segno, lei (a patto che ne valga la pena) sa anche essere un’impareggiabile ruminante di fatica e sacrificio. E lo dimostra soprattutto quando, coinvolta in un valido rapporto affettivo, si sente investita dal ruolo per lei gratificante in assoluto: quello di lume tutelare della vita. Quindi vuole avere un amore che, oltre ad onorare la sua intensa femminilità venusiana, le riconosca quel diritto alla maternità che lei considera irrinunciabile.

A prima vista, una donna così quadrata dovrebbe stare alla larga dall’impulsivo, precipitoso, irruento uomo dell’Ariete. Un tipetto cioè che, al contrario di lei, spesso agisce prima di pensare. Salvo poi lamentarsi e sbraitare quando è ormai troppo tardi per rimediare. Ma, proprio perché sono così diversi, i due possono finire con l’amarsi tanto da diventare indispensabili l’uno all’altro. Complici i rispettivi governatori (Marte per l’Ariete e Venere per il Toro) che esprimono valenze e funzioni opposte e complementari. Senza contare che questi due segni contigui hanno in comune un ardore primaverile molto favorevole allo sbocciare d’intensi legami amorosi.

E così, se solo interviene qualche piccolo aiuto astrale di pianeti veloci in reciproco aspetto armonico, l’amore fra l’uomo dell’Ariete e la donna del Toro può nascere, fiorire e fruttificare senza gravi intoppi. Merito soprattutto di lei che, vigile ma dolcissima, lascia che lui si scateni seguendo gli istinti marziani e focosi che gli sono propri. Ma, allo stesso tempo, tiene ben saldo nelle proprie mani il bandolo di quell’arruffata ma semplice matassa che è l’uomo dell’Ariete.

Così lui, illuso di essere l’incontrastato signore e padrone, non si accorge d’essere stato preso definitivamente al laccio dalla dolce tiranna venusiana.

La Toro, invece di perdere tempo inutile a fronteggiarlo, lo sospinge nella rete di una dipendenza affettiva da cui lui non sa e non vuole districarsi.

Lo cattura con la dolcezza, il sorriso e l’antica arte di prendere l’uomo per la gola. Così, iniziandolo alle gioie della tavola, riesce man mano a smorzare i forsennati ritmi arietini responsabili di tanti guai. Pian piano, lui impara a masticare e sorseggiare con calma, per assaporare le finora sconosciute gioie dei sensi. Una volta appreso il principio, il marziano discepolo della venusiana Toro applica la preziosa lezione anche nell’intimità: seguendo le dolci, lente strategie della compagna, impara a stemperare il fuoco per farlo durare più a lungo. E scopre, felice, un dopo fatto di profonda, appagata pienezza, invece che di solitario e sterile annientamento …

Sottoposto a terapia intensiva di dolci concretezze, senza accorgersene l’Ariete impara a smussare gli spigoli del proprio carattere e a mettere ordine in quel disordinato mosaico che era la sua vita prima d’incontrare la venusiana.

Astrologia – affinità di coppia del segno dell’Ariete con gli altri segni – Pesci

Ariete-Pesci

Lei non ha dubbi lo vuole proprio

Il fantasioso nato nell’ultimo segno corre dietro alle mille occasioni d’incontro e d’amore senza avere un’idea precisa della meta da raggiungere.

La marziana invece ha di solito le idee chiare. Se le piace un uomo va dritta allo scopo.

L’uomo dei Pesci può anche essere un uomo di successo, uno che, in apparenza, intrattiene con i piaceri della vita un rapporto molto intimo e assiduo, eppure, in cuor suo, si sente sempre un po’ come una barca alla deriva: gli irrequieti flussi vitali lo sospingono ora qua ora là, precludendogli ogni possibilità di seguire una rotta definita. E se queste disordinate esplorazioni, da un lato, esercitano su di lui l’irresistibile attrazione dell’ignoto, dall’altro lo tormentano con l’ansia dell’indefinito. Anche in amore. Infatti sono tante le donne che, attratte dal suo fascino arcano e dolcissimo, ordiscono sottili trame di seduzione per invitarlo nel magico mondo dell’eros. Ma questo è un modo estremamente cangiante: ciascuna donna, infatti, ha il potere di trasformarlo, di renderlo unico e irripetibile. E di porre così il sensibilissimo Pesci di fronte a un problema di scelta praticamente irresolubile: lui non ce la fa proprio a districarsi nell’ingarbugliato labirinto di possibilità costruito dalle infinite occasioni offerte dalla vita.

Per questo ci vuole qualcuno che l’aiuti, indirizzandolo verso una rotta definita, che lui da solo, non sarebbe mai capace di seguire. In questo senso, la donna dell’Ariete può rivelarsi particolarmente adatta. Infatti è un tipo dalle decisioni rapide. Un tipo che, soprattutto in amore, si lascia guidare dall’istinto e passa decisa all’azione senza smarrirsi in dubbi e tentennamenti. Così, se un uomo le piace, deve conquistarlo.

Se lui esita, lei lo incalza fino a che non è riuscita a ottenere lo scopo. Ma non lo fa prendendo l’iniziativa in modo brutale. Anzi diventa più seducente, maliziosa e desiderabile che mai e fa della propria femminilità un’irresistibile calamita.

Naturalmente, se lui è un uomo dei Pesci, la risposta è quasi immediata: il nettuniano-gioviano è un ricettivo e non si sogna neppure di opporre resistenza ai richiami di una sirena come l’Ariete.

Ma, purtroppo, il suggestivo periodo della love-story ha avuto l’effetto di affollare la fantasia pescina di sogni e di straordinarie attese nei confronti di un Ariete immaginata quale magica artefice d’inesauribili incantesimi d’amore. Ma proprio qui sta il guaio. Perché lei è in realtà un tipo dagli slanci intensi ma dalla curva dell’attenzione discontinua. Soggetta cioè a improvvise impennate e brusche cadute.

Il Pesci invece è portato a riversare le sue intense cariche emotive in un flusso languido e dolce che non vorrebbe avesse mai fine… E così questo amore, all’inizio tanto promettente, rischia invece di naufragare presto nell’irrimediabile scontro di ritmi diacronici, origine di delusione e profondo scontento. Lei diventa insofferente nel vederlo astrarsi in fantastiche contemplazioni e lenti piaceri, del tutto dimentico d’ogni altra realtà. Perde la pazienza quando lui spreca ore a tavola o non ricorda di avvisarla quando non tornerà a casa per pranzo. Ma si irrita anche quando lui attraversa uno di quei suoi tipici momenti d’intenso struggimento che lo pervadono all’improvviso e senza apparente motivo.

Insomma, la marziana perde le staffe perché non ce la fa a sopportare quelli che, secondo lei, sono i ricorrenti tempi morti imposti dal caotico modus vivendi pescino.

Ma lui, a sua volta, non è meno scontento e sconcertato. Infatti si sente incompreso e non accetta che lei viva incalzata da una fretta irrefrenabile che, secondo lui, finisce col rovinare ogni cosa. Il Pesci infatti è convinto che qualsiasi esperienza, anche la più fantastica, diventa insignificante se vissuta in modo precipitoso; le sfumature e il senso stesso del vivere si consumano e dissolvono…

Secondo la sua prospettiva, ognuno dei due ha ragione. Ma questo, purtroppo, non serve affatto per rimediare a uno stato di incomprensione che mina alle radici ogni possibilità di dialogo duraturo.

L’unica speranza che tutta la storia non vada a finir male è appesa al filo di un calcolo delle probabilità astrologiche secondo cui può succedere abbastanza di frequente che l’Ariete abbia Mercurio-Venere pescini, cui corrispondi un Pesci con Mercurio-Venere arietini.

Allora il sogno di conciliare ritmi emotivi e scansioni pratiche di vita non è più irrealizzabile.

Astrologia – Affinità di coppia del segno dell’Ariete con gli altri segni – Acquario

Ariete-Acquario

Ed è subito colpo di fulmine

Quando l’elettrico figlio di Plutone incontra l’alunna di Marte va subito in cortocircuito. E lei non si fa certo pregare. Ma poi arriva la routine e può succedere tutto …

Nella classifica dei conquistatori, l’uomo dell’Acquario occupa una piazza d’onore, grazie ad uno dei tanti paradossi che caratterizzano il suo modo di essere. Infatti lui, fra ideologie da abbracciare e cause da difendere, è tendenzialmente un distratto per quel che riguarda le donne e le faccende d’amore. E allora le donne, provocate dalla sua indifferenza, prendono l’iniziativa e lo cingono d’assedio, decise a strapparlo alle sue astratte dimensioni e convertirlo alla causa dell’eros.

Alla testa di questo agguerrito esercito di missionarie si trova naturalmente l’Ariete. Che, tra l’altro, parte avvantaggiata perché all’Acquario piacciono proprio le donne come lei. Cioè femminili ma non languide, disponibili ma non remissive, seducenti ma non fataleggianti. Ma, soprattutto, intelligenti e molto pronte di riflessi.

Dunque, appena l’Ariete incontra un Acquario che giudica carino, lo bracca senza esitazioni: si pone subito a distanza ravvicinata e poi, con sapiente tempismo, alterna occhiate di fuoco e improvvise prese di contatto che mandano in cortocircuito l’elettrico Acquario. Il quale essendo notoriamente un frettoloso pragmatico, a questo punto sorvola sui preliminari e, senza troppe perifrasi, invita l’Ariete a immediati connubi. E il bello è che lei accetta la proposta con sincero entusiasmo e senza fingere quelle reticenze che, considerate doverose da altre donne, hanno il potere di dare tremendamente ai nervi all’Acquario, irriducibile nemico dei sussulti moralistici in extremis. Approdati dunque rapidissimi a incandescenti gioie del talamo, l’Ariete e l’Acquario vivono l’esperienza di un colpo di fulmine che li elettrizza. Infatti l’amore, moltiplicando le loro energie, li proietta in un turbine di fervore comune che genera nuove scintillanti idee intellettual-professionali alternate a una girandola di pazzi progetti vacanzieri e di reciproci amici da presentarsi a vicenda.

Ma poi arriva anche per loro il delicato banco di prova d’una euforia iniziale che cede alla forza dell’abitudine. Ed è un momento critico soprattutto per lei, che, nata nel primo segno primaverile, si sente in sintonia con se stessa e con la vita quando c’è nell’aria qualcosa di nuovo e l’ardente magia fatta d’istinti che esplodono accompagnati dal timore dell’ignoto e dalla trepida emozione delle promesse non ancora svelate. Fa quindi una gran fatica a reggere, contemporaneamente, il peso dell’abitudine che prevale e la scoperta dei lati meno conosciuti e gradevoli del carattere acquariano. Che, invece, non soffre particolarmente quando la routine comincia a farsi strada, visto che i segni fissi (oltre all’Acquario, sono Toro, Leone e Scorpione) non sono immuni da tentazioni di pigrizia abitudinaria. Ma, nell’uraniano, questa caratteristica si somma a una spiccata soggettività nella valutazione dei margini di libertà propri e della partner: secondo lui è sottinteso che chi gli vive accanto, in questo senso, debba sempre cedergli il passo. Però la regola va stretta all’Ariete che, oltre a tutto, è anche molto gelosa. E, quando lui torna a casa dopo essersene andato chissà dove e con chissà chi, lei ci fa scappare una bella lite e magari riduce in pezzi un intero servizio di porcellana. Ma così lo irrita, offrendogli ulteriori pretesti per prendere il largo mentre lei, sempre più furiosa, non può neanche rifarsi facendolo ingelosire a sua volta: è garantito che se Otello fosse stato un Acquario, Jago avrebbe fatto un clamoroso buco nell’acqua.

Ma, nonostante questo, l’Ariete sente sempre più impellente il bisogno di sfogarsi in qualche modo ed è abbastanza probabile che lo faccia flirtando con un altro. E, se l’esperimento ha successo, addio Acquario: in quattro e quattr’otto, lei fa i bagagli e va dal nuovo amore. Ma non è detto che la riconquistata libertà riempia di gioia l’uraniano che, invece, può sentirsi dolorosamente mutilato dalla rinuncia alla movimentata abitudine rappresentata dall’Ariete. Che non è certo il tipo da tornare sui propri passi e, se col nuovo amore non funziona, ne cerca un altro e, se necessario, un altro ancora… guardandosi però bene dal prendere in considerazione l’idea di qualsiasi revival acquariano.